Oro usato e rigenerato: una scelta green

In tempo di crisi l’oro usato è stato spesso utilizzato per racimolare piccoli capitali utili ad affrontare qualche spesa inattesa o inevitabile, ma si può utilizzare anche diversamente.

Oro rovinato: cosa fare?

Tutti abbiamo in casa qualche oggetto d’oro magari un po’ rovinato o che resta a fare la polvere in qualche angolo di casa, col terrore che, magari, venga portato via da qualche ladro. Molti oggetti, che spesso non si utilizzano, sono tutte quelle cose che vengono regalate ad un neonato e mai nessuno porterà. A questo punto è possibile fare due cose: guardare le quotazioni oro 18K Roma e valutare se venderlo per utilizzare i soldi per qualche altro progetto, oppure possiamo rigenerarlo. Sì, avete capito bene, così come si fa per gli smartphone o i notebook.

Nel primo caso si avrà una valutazione per il peso dell’oro, le condizioni, spesso, non vengono valutate, in quanto gli oggetti vengono fusi, nel secondo caso invece, non si guadagnerà nessuna cifra, anzi si spenderanno dei soldi, ma si potrà conservare, sotto forma diversa, il proprio monile a cui, magari, si è pure affezionati.

Rigenerare l’oro

Come procedere in questo caso? Se si pensa di restaurare il gioiello oppure utilizzare l’oro per crearne uno nuovo, ci si può rivolgere ad un artigiano orafo, ma tenete conto che, in questo caso, anche se ci mettete la materia prima, i costi saranno abbastanza elevati perché bisogna calcolare tutte le ore necessarie alla lavorazione e alla progettazione del nuovo monile. Dietro a questa scelta, però, c’è anche un’attenzione verso la natura, che renderà ancora più nobile la scelta. Per l’estrazione dell’oro, infatti, si impiega energia, si crea inquinamento, si usano agenti chimici che, con l’utilizzo dell’oro scrap (questo il termine usato per l’oro rigenerato) si ridurranno drasticamente.

Se volete mantenere il vostro oro, la scelta ecologica, ma volete formare un piccolo tesoretto potete optare per la fusione. Vi potete rivolgere ad orafi o le attività che trattano acquisto di oro usato. In questo caso si pagheranno solo le spese di fusione e alla fine sarete in possesso di un piccolo lingotto d’oro che potrebbe essere il primo di una lunga serie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018: Issi | Awesome Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress