ISSI News Come riscaldare la propria abitazione in maniera totalmente economica

Come riscaldare la propria abitazione in maniera totalmente economica

Terminata la stagione estiva, quella del freddo e del gelo è ormai alle porte. Sta tornando quel periodo dell’anno in cui ci si può vestire con mille strati di vestiti per riscaldarsi oppure usare mille coperte. Da molti l’autunno e l’inverno sono le preferite per la possibilità di non soffrire quel caldo torrido che la stagione estiva porta sempre, ma ha di negativo le continue piogge che costantemente si abbattono sulle città. A tal proposito le persone per ovviare al problema pioggia stanno attuando una serie di misure, come rendere il pavimento del terrazzo resistente all’acqua: ad esempio nella Capitale molti residenti stanno ricercano aziende di impermeabilizzazioni Roma, in modo da poter fronteggiare al meglio qualsiasi problema di infiltrazione nel pavimento.

Come si prendono accorgimento per questo problema, sempre più cittadini stanno prendendo provvedimenti anche per quello del riscaldamento. Specialmente dopo il rincaro bollette che ha interessato quest’anno, a causa della Guerra in Ucraina e Covid-19. Per fortuna è possibile ovviare all’aumento delle bollette tramite dei semplici trucchi per difendersi dal freddo.

Mantenere l’isolamento della casa

Sono tantissimi i consigli che si possono dare per risparmiare sul riscaldamento domestico, andando a diminuire i costi in bolletta. Uno su tutti è evitare che si disperda il calore generato. Per questo motivo è utile pensare all’isolamento, la caratteristica principale per avere un ambiente caldo.

Per isolarla, prima di tutto, bisogna iniziare dalle pareti che danno verso l’esterno, quindi che non sono confinanti con mura di altre abitazioni. Molti decidono di utilizzare pannelli in polistirene, un buon isolante termico che non marcisce, non ammuffisce e il prezzo è molto vantaggioso, costando all’incirca 5 euro per mq. È un prodotto utilizzato in edilizia e non è dannoso per la salute dell’uomo come altri tipi di materiali.

Se non si vuole adottare la soluzione polistirene, è possibile spostare tutti i mobili sulle pareti che danno sulla strada. Può essere un buon metodo, specialmente per insonorizzare, ma l’efficacia non sarà altissima , permettendo comunque l’entrata del freddo dalle pareti.

Attenzione agli infissi

L’isolamento dal freddo, però, non passa solamente dallo spostare muri o mettere pannelli, ma anche dal controllo degli infissi. Può capitare che passino spifferi dagli infissi e che si vada a generare una corrente fredda che non permette al calore di resistere nella stanza. Si possono attuare accorgimenti come posizionare qualcosa per chiudere gli spifferi, se non si ha la disponibilità di cambiarli.

In alternativa si possono cambiare le tapparelle, sicuramente meno costose degli infissi. Si consiglia di utilizzare quelle bianche o argento, colori che respingono il calore, mantenendolo nell’abitazione.

Ancora, è possibile mettere doppi vetri che non fanno disperdere il calore all’esterno, con due vetri distanziati che respingono il freddo proveniente dall’esterno. Cercate di tenerle il più possibile separate, in modo da aumentare l’isolamento.

Si può sostituire il vecchio vetro con quello doppio nuovo oppure aggiungere una seconda intelaiatura così da creare due finestre sovrapposte.

Altri consigli utili

Questi elencati sopra non sono gli unici consigli, ma c’è ne sono alcuni ancora più semplici, andando a sfruttare le fonti di calore. Una delle tante scelte è il camino, bello da tenere in casa e che in pochi minuti riscalda la stanza, peccato però che permetta comunque l’entrata di aria dalla canna fumaria, per questo motivo quando non lo si utilizza è opportuno chiudere la serranda che, ovviamente, va riaperta se lo si accende.

Si possono spostare i mobili sulle prese d’aria o sugli spifferi che vanno a intaccare l’isolamento dell’abitazione, così come si può utilizzare un ventilatore a soffitto che spinge l’aria calda verso il basso permettendole di circolare in maniera omogena.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Post