Il fascino dei trulli, simbolo di una regione

Le particolarità dei trulli

Una delle costruzioni tipiche più amate e ricche di fascino è il trullo. Arrivati in Puglia, soprattutto nella zona della Valle d’Itria e dell’Alto Salento, possiamo ammirare le sconfinate campagne disseminate di queste strutture uniche nel loro genere.

In merito alla loro origine, gli studiosi hanno proposto diverse teorie. Una delle più accreditate dice che l’idea del trullo nasca nel Vicino Oriente.

Fatto sta che la conformazione tipica del territorio pugliese si è rivelata la più adatta al proliferare di queste costruzioni tipiche.

Perché così tanti in Puglia

Dalle Murge fino in Salento, il terreno è di natura prevalentemente carsica. Gli agricoltori che desideravano coltivare la terra, si trovavano di fronte una grande difficoltà, dovuta proprio alla ricca presenza di pietre nel terreno. Una volta dissodato il terreno, questo doveva essere liberato dai massi di roccia per essere lavorato dovutamente.

Come sempre, l’uomo ha sviluppato una capacità ingegnosa che gli ha permesso di trarre un doppio vantaggio: liberare il terreno dalle pietre ed utilizzare queste stesse per costruire abitazioni e muretti a secco per delimitare i terreni.

Molti studiosi di architettura rimangono ammirati di fronte a questi prodigi di ingegneria, che sfruttano dei principi tanto semplici quanto geniali. La principale particolarità è infatti legata all’assenza di malta. Le pietre vengono posizionate a secco, incastrate tra di loro e si sorreggono grazie ad uno schema ben preciso.

Le pietre più grandi vengono posizionate alla base a forma di cerchio e con uno spessore piuttosto importante. Ad un certo punto, si continuano ad allineare dei cerchi di pietra sempre più concentrici fino ad arrivare alla sommità del tetto, che viene chiuso con una chiave di volta. Benché all’apparenza possano sembrare non così resistenti, la prova del tempo dice esattamente il contrario. Esistono infatti alcuni di essi che sono vecchi di secoli.

Il motivo per cui nel territorio si siano diffusi così tanto è anche piuttosto interessante. Attorno al 1500, infatti, i conti di Conversano concessero ai contadini diversi benefici, tra cui la possibilità di mettere su delle costruzioni come abitazioni per loro e le loro famiglie, ma ad una condizione: era vietato l’utilizzo di malta. In questo modo, infatti, si potevano demolire trasformandoli in un mucchio di pietre prima dell’arrivo del viceré del Regno di Napoli per verificare il numero di insediamenti. In questo modo si poteva evitare di pagare l’imposta sugli insediamenti. Un vecchio sotterfugio sta pertanto alla base della loro diffusione in questo territorio!

Oggi i trulli sono tra le abitazioni tipiche più richieste da chi vuole trascorrere le proprie vacanze in Puglia. Su Barbar House possiamo trovare non solo trulli di lusso con piscina ma anche masserie e ville tipiche della Puglia, per un soggiorno da sogno nelle località più esclusive della zona.

I trulli restaurati possono essere singoli o in complessi con altre costruzioni. Questa sarà la soluzione migliore nel caso in cui dovessimo venire in vacanza con una compagnia di amici più numerosa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Post